06 Aprile 2021 – Incontro con l’Autore: Stefano Stranges – Quell’anno in cui… Storie di confini

16 Marzo 2021 – L’industria della ceramica e l’impatto sul nostro territorio
Marzo 11, 2021
27 Aprile 2021 – APPROFONDIMENTO: La stampa fotografica, a cura di Gabriele Danesi
Aprile 12, 2021

L’incontro si svolgerà a questo link  https://meet.google.com/wqn-kojs-atc  il 06 Aprile 2021 a partire dalle ore 21.15

 

 

Il prossimo Martedì 06 Aprile siamo felici di avere ospite il fotografo e fotoreporter Stefano Stranges. L’incontro si concentrerà sul suo lavoro editoriale chiamato “Quell’anno in cui…” che racconta le vicende umane legate alla pandemia da Covid19. Stefano ci racconterà come mai ha avuto l’esigenza raccontare tutto questo, come si è sviluppato il progetto mese dopo mese, fino ad arrivare a produrne un libro.

 

Come in altri reportage documentaristici sviluppati negli ultimi anni da Stefano, tutto può essere riportato al concetto di “Confine”. Partendo dai confini che abbiamo oggi nel nostro quotidiano a causa della pandemia e delle relative restrizioni, Stefano cercherà di raccontarci e mostrarci i confini che attanagliano le genti nel mondo, e che, pur lontani e esotici, riguardano anche noi.

Stefano si ricollegherà al lavoro sviluppato in “Le vittime della nostra ricchezza” e ci racconterò dell’esperienza vissuta nei luoghi sfruttati e saccheggiati a causa delle materie prime, cioè quelle risorse naturali consumate dal nostro mondo di privilegiati. Il mondo di quegli uomini però è un mondo di “Ricchezze da morire”. Ci racconterà quindi delle storie che avvengono ai bordi dell’Europa, dove carovane di esseri umani, nelle loro migrazioni cercano una vita più degna, ma in realtà non trovano altro che muri e miseria dell’indifferenza. 

 

 

 

“ Quell’anno in cui –  Il libro. 

Pensavo di aver completato una storia, l’ho raccontata al passato remoto e raccolta in un libro. In “Quell’anno in cui…” ho raccontato una prima fase, quella dello shock, di  nuovi ritmi di vita, di un dramma che non sapevamo quando potesse finire, giorni, settimane, mesi…ma in quelle storie c’era l’energia e si respirava la “resistenza” al virus nella  cooperazione sociale, non in tutti, ma per molti sì.

Ora quello shock e quelle reazioni ad una situazione di emergenza globale, sono per molti versi variate.

Avevo scritto la frase “davvero saremmo potuti tornare indietro?”.

Era lì per dividere il capitolo 4 (l’ultimo capitolo che descrive i quasi 2 mesi di lockdown) dal capitolo 5 che illustra invece i primi giorni di maggio, quando si poteva di nuovo uscire a respirare. L’ho capovolto, in modo che la fine del racconto di marzo e aprile si schiantasse con la fine dell’ultimo capitolo….volevo descrivere il rischio di una storia circolare.

Eppure a ottobre, In questa seconda ondata, sono tornato a raccontare, seppur io stesso con uno spirito differente, respirando un’atmosfera diversa. “

 

 

 

 

 

 

Stefano Stranges è un fotografo e fotoreporter indipendente italiano. Classe 1978, inizia la sua carriera professionale nel 2006 nel mondo della moda e del reportage di viaggio, ma ben presto punta il suo obiettivo verso le tematiche sociali più problematiche del pianeta. Iniziano quindi le collaborazioni con ONG nazionali e internazionali. I suoi scatti catturano le dure realtà che attanagliano la società contemporanea, dallo sfruttamento alle guerre civili, dai disastri causati dalle catastrofi naturali alle problematiche dovute ai cambiamenti climatici.

Qui il sito dell’autore: www.strangesimage.com

 

 

 

 

 

In linea con il nostro consueto approccio, l’evento si svolgerà come una chiacchierata tra l’autore e gli ospiti, senza troppi formalismi. Potremo quindi liberamente chiedere all’autore informazioni sul suo lavoro. 

 

 

 

L’incontro si svolgerà in una stanza virtuale aperta a tutti ed operata da Google a questo link:

https://meet.google.com/wqn-kojs-atc

Il 06 Aprile 2021 a partire dalle ore 21.15

 

Da Computer è possibile accede con un qualunque browser, mentre da tablet o smartphone serve scaricare l’APP di Google Meet. Consigliamo di fare una prova di connessione prima dell’evento cliccando sul link. Per facilitare la comunicazione ed evitare echi ed interferenze, vi chiediamo di connettervi con microfono e webcam disattivati e poi attivarli nel momento in cui volete partecipare.

 

 

 

 

Alcune foto in anteprima:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Facebooktwitterpinterest